fbpx
 

Blog

Valentina Fragliasso è stata nominata per il prestigioso “Premio R.O.S.A.”

La ricercatrice Valentina Fragliasso per un anno è stata al Weill Cornell Medical College di New York nell’ambito del progetto “IOxTE… moltiplica la ricerca!” di GRADE e ha partecipato nel maggio scorso al prestigioso Premio R.O.S.A. del Canova Club di Roma.

Il premio nasce nel 2002 da una felice intuizione del medico radiologo Carlotta Gaudioso e intende valorizzare la donna in tutti i suoi aspetti, soprattutto quello del lavoro.

Un altro importante riconoscimento per il lavoro di Valentina, che con il suo impegno sta contribuendo allo sviluppo del Centro Oncoematologico reggiano e all’eccellenza del reparto di Ematologia dell’Arcispedale Santa Maria Nuova.

Ecco le sue parole riguardanti questa esperienza:

“Qualche mese dopo essere tornata da New York sono stata contattata dall’ideatrice e coordinatrice del Premio Rosa della Fondazione Canova, Carlotta Gaudioso, che mi ha invitata a partecipare alla loro selezione annua per il Premio Rosa del Canova Club. Il Premio ROSA è un riconoscimento per le donne che, facendo affidamento soltanto sulle loro forze, sono riuscite a raggiungere traguardi prestigiosi. Non a caso ROSA è l’acronimo di Risultati Ottenuti Senza Aiuti.
Dopo aver inviato il mio curriculum, in cui raccontavo chi ero, come era nata la mia passione per la ricerca e come ero riuscita a ottenere i miei risultati, sono stata selezionata per l’avventura Premio Rosa.
La prima fase si è svolta a Roma, dove ho conosciuto le altre 11 candidate. Davanti a una giuria tutta femminile e a una giuria tecnica, ho raccontato chi sono, delle mie ricerche, di come il mio lavoro di tutti i giorni mi insegna a trasformare i fallimenti in successi, a guardare le cose sempre da più prospettive e ad evolvermi continuamente. Ho raccontato della splendida esperienza che sto vivendo con la Fondazione Grade Onlus e del perché ho scelto di tornare in Italia per continuare le mie ricerche. Durante il mio discorso la voce mi tremava ed ero molto emozionata.
Durante quella giornata ho avuto l’onore di incontrare astrofisiche e ricercatrici che hanno raggiunto grandi risultati ed è stata una grande soddisfazione potermi confrontare con loro.
Con mia grandissima sorpresa, mi hanno comunicato che ero rientrata nella rosa delle 7 candidate che avrebbero avuto accesso alla seconda e ultima fase del premio.
Tale fase si è svolta a Roma, nella Sala del Tempio di Adriano, dove la madrina dell’evento, la Vice Presidente del Senato Linda Lanzillotta, e altre donne autorevoli hanno raccontato cosa significa essere donna nel mondo del lavoro e di come sono riuscite a conciliare l’impegno della famiglia con la carriera lavorativa.

Il Premio ROSA 2016 è stato assegnato ad una ricercatrice che si occupa di egittologia e io ho ricevuto una targa consegnatami dal Ministro dell’Economia e delle Finanze Maria Cannata.
È stata una bellissima esperienza e un’occasione importante per conoscere e confrontarmi con altre scienziate.

 

Vale”