fbpx
 

Blog

Due nuovi arrivi per l’équipe dell’Ematologia

Il reparto di Ematologia dell’Arcispedale Santa Maria Nuova – IRCCS di Reggio Emilia si arricchisce di due nuove figure.
Il Dott. Francesco Merli, direttore della struttura complessa di Ematologia dell’ospedale reggiano, ha dato il benvenuto a Janiny Silva Cardoso e Maddalena Montorsi, infermiere finanziate dalla Fondazione GRADE Onlus che andranno a coadiuvare il prezioso lavoro dello staff del reparto.

La presentazione delle due professioniste è avvenuta in presenza del Dott. Merli, del Dott. Roberto Baricchi, direttore di della struttura complessa di Medicina trasfusionale, della Dott.ssa Marina Iemmi, direttore delle Professioni sanitarie, di Carmen Prandi, responsabile infermieristico del Dipartimento oncologico, e di Cristiana Caffarri coordinatrice dell’Unità operativa di Ematologia.

La Cardoso sarà coinvolta nella ricerca infermieristica, mentre la Montorsi svolgerà parte della sua futura attività presso la struttura complessa di Medicina Trasfusionale.
In particolare, specifica il Dott. Baricchi: “Maddalena si occuperà della raccolta degli emocomponenti (globuli rossi, piastrine, ecc…), così necessari per i pazienti ematologici. Sarà inoltre parte integrante del Programma Trapianti-Reggio Emilia (PTRE), deputato alla raccolta, manipolazione, congelamento e infusione delle cellule staminali destinate ai trapianti di midollo osseo.

La Dott.ssa Marina Iemmi sottolinea: ”L’ingresso in una realtà all’avanguardia sul piano clinico, di assistenza e ricerca rappresenta per Maddalena e Janiny un’importante opportunità di crescita e offre nuove prospettive dal punto di vista professionale. Nei diversi livelli assistenziali previsti in ambito ematologico potranno garantire, unitamente agli altri professionisti, una presa in carico del paziente personalizzata e appropriata”.

Commenta la Cardoso: “Ripensando al mio percorso in Ematologia vedo quanto è grande il progetto di GRADE in cui sono coinvolta. Collaborare con la Fondazione rappresenta un’opportunità unica, perché ogni giorno l’impegno principale è migliorare le possibilità di cura per le persone. Ho già raggiunto diversi obiettivi, ma ce ne sono tantissimi ancora da raggiungere: tutto questo è fattibile grazie al lavoro in equipe.
La mia sincera riconoscenza ai miei colleghi, ai diversi professionisti con cui lavoro e a tutti quelli che rendono possibile lo svolgimento delle diverse attività: è bellissimo vedere che il sogno diventa quotidianamente realtà”.

Conclude poi la Montorsi: “Conosco il reparto da poco più di un anno, avendo cominciato come allieva infermiera. Da oggi, grazie alla straordinaria opportunità che mi ha concesso il GRADE, collaborerò come infermiera professionista.
Ho iniziato questo percorso col timore di non essere all’altezza delle richieste del reparto e delle attese dei pazienti, ma quando mi sono trovata ad operare con il gruppo dell’unità operativa, i miei timori a poco a poco sono svaniti.
Merito soprattutto dei miei colleghi, che mi hanno accolto e che continuano ad accompagnarmi nel mio percorso di crescita individuale e professionale”.