fbpx
 

Blog

La nuova PET/CT “Discovery MI”: conosciamola da vicino

PET/CT: diagnostica per immagini avanzata ed efficace
La PET, Tomografia a Emissione di Positroni, è una tecnica diagnostica di medicina nucleare in grado di visualizzare, attraverso immagini biomediche, i processi metabolici e funzionali presenti all’interno del corpo. Per questa sua specificità, la PET viene impiegata prevalentemente in ambito oncologico ed onco-ematologico. Attraverso la somministrazione di radiofarmaci per via endovenosa, la PET permette di individuare la presenza di tumori, valutandone la localizzazione, la dimensione e il comportamento metabolico e funzionale in una prospettiva tridimensionale. Associata a una Tomografia computerizzata (CT) consente, inoltre, di aggiungere dettagliate informazioni morfologiche utili a migliorare significativamente l’interpretazione dell’esame. Altre applicazioni, seppur più limitate, si hanno in ambito neurologico (in particolare nella valutazione delle demenze), reumatologico e cardiologico. La dose di radiazioni somministrata è molto bassa e non ha conseguenze rilevanti per il paziente che si sottopone all’esame.

 width=

Discovery MI PET/CT di GE Healthcare
La PET/CT Discovery MI recentemente installata nel reparto di Medicina Nucleare dell’Ospedale Santa Maria Nuova si aggiunge a un’altra PET/CT in dotazione al reparto dal 2006 e appartiene alla nuova generazione digitale. I principali vantaggi sono

  • migliore qualità delle immagini grazie all’avanzata risoluzione del sistema digitale e agli innovativi sistemi di elaborazione elettronica
  • aumentata capacità di valutare la risposta ai trattamenti terapeutici in virtù della sensibilità del sistema e dell’ampio campo di acquisizione
  • possibilità di utilizzo di radiofarmaci di nuova generazione e significativa riduzione della dose da somministrare al paziente
  • più rapida definizione delle immagini grazie agli innovativi algoritmi dì ricostruzione e alla velocità di risposta dei rivelatori.

Diventa possibile aumentare il volume di attività, migliorare la qualità diagnostica e valutare in modo approfondito la risposta alle terapie in virtù di una più efficace quantificazione dei fenomeni metabolici in atto.

Il Discovery MI è il primo sistema PET/CT di tipo digitale presente in Italia. È dotato di 4 anelli di detettori PET a stato solido e una TAC a 64 banchi di rivelatori per ampliare sensibilità e campo di acquisizione. L’apparecchiatura utilizza, inoltre, nuovi algoritmi di ricostruzione finalizzati a migliorare la qualità diagnostica e innovativi protocolli che tengono conto del naturale movimento respiratorio del paziente nel corso dell’esame. Per la prima volta in Italia, inoltre, è stata aggiornata la componente primaria del già esistente Ciclotrone MlNltrace GE in dotazione al reparto al fine dí migliorare la qualità e l’efficienza del processo produttivo dei radiofarmaci utilizzati nelle indagini PET/CT. Valore della donazione: 2 milioni di euro.

Il locale che ospita la nuova PET/CT misura 42 metri quadri ed era prima occupato da un’altra apparecchiatura. La sua riqualificazione, durata tre mesi, ha comportato il I consolidamento strutturale del pavimento, il rivestimento in piombo su pareti e pavimento con scopo radioprotettivo, il rinnovamento impiantistico ed elettrico per il benessere ambientale e l’installazione di nuove porte automatiche con effetto schermante. Il costo dell’intervento è stato di 200mila euro.

 width=

Il Reparto di Medicina Nucleare del Santa Maria Nuova
La Struttura Complessa di Medicina Nucleare del Santa Maria Nuova, in funzione dal 1973, si compone di una sezione diagnostica — dotata di SPECT/CT (Tomografia Computerizzata ad Emissione di Fotoni Singoli) e di PET/CT — e una di terapia radiometabolica. A queste si aggiungono una moderna unità di radiofarmacia e un ciclotrone autoschermato per la preparazione dei radiofarmaci funzionali all’attività diagnostico-terapeutica e alla sperimentazione clinica. L’équipe del reparto, diretta dal dott Annibale Versari, è composta da 36 persone, tra cui 7 medici. Nel corso del 2017 sono transitati negli 8 posti letto del reparto 642 pazienti. Le prestazioni specialistiche sono state complessivamente 9.230, il 54% delle quali di diagnostica tradizionale (4.984) e il 35% di diagnostica PET (3.245).

Il Servizio di Fisica Medica dell’Azienda USL
La Fisica Medica svolge attività specialistiche sanitarie, nonché attività di ricerca, progettazione, controllo e gestione connesse con le applicazioni della Fisica in campo medico. In Medicina Nucleare si occupa della gestione del ciclotrone per la produzione di traccianti radioattivi, di stimare e pianificare la dose di radiazione per i pazienti e del corretto impiego delle tecnologie. Supporta il medico nucleare nell’ottimizzazione e nell’elaborazione delle immagini. L’equipe, diretta dal dott Mauro lori, è composta da 19 persone di cui 9 fisici.

 width=

Il progetto Pet Puzzle
Promosso da Grade Onlus in collaborazione con l’Azienda IRCCS di Reggio Emilia, il progetto Pet Puzzle ha preso il via il 15 dicembre 2016 con l’obiettivo di raccogliere fondi attraverso donazioni di cittadini, aziende private, associazioni. Il completamento del grande puzzle composto da 20mila tessere, inizialmente previsto entro un triennio, rappresenta l’effettivo raggiungimento della somma di 2 milioni di euro necessari all’acquisto dell’apparecchiatura PET/CT ora installata nel reparto di Medicina Nucleare del Santa Maria Nuova.

Il successo riscosso dal progetto, la cui raccolta ha superato nel primo anno la cifra di 1,3 milioni di euro, ha reso possibile anticipare, grazie al finanziamento dei restanti 700mila euro da parte di Credem Banca, l’acquisizione dell’apparecchiatura e di metterla rapidamente a disposizione del reparto.

Nel corso dei mesi un puzzle virtuale, pubblicato sul sito GRADE (www.grade.it/donazioni/pet-puzzle/) e aggiornato periodicamente, ha mostrato lo stato di avanzamento della raccolta che all’inizio di giugno 2018 ha superato la cifra di 1.435.000 euro con oltre 14.300 tessere acquisite. Il progetto ha ricevuto il sostegno di Fondazione Manodori e Unindustria Reggio Emilia.

Visita la pagina Pet Puzzle e dona anche tu un pezzo del puzzle! >>