fbpx
 

Blog

Parientes: Servillo-Girotto-Mangalavite in concerto il 14 settembre

Lunedì 14 settembre ore 21 al Parco delle Paulonie

L’Associazione Casa d’Altri, in collaborazione con Fondazione GRADE Onlus e con il sostegno di Coopservice e di Promusic, e con la collaborazione gratuita del Comune di Reggio Emilia, presenta il concerto “Parientes”, portato sul palco dall’intenso Peppe Servillo e dagli straordinari musicisti Italo-argentini Javier Girotto (sax soprano e baritono) e Natalio Luis Mangalavite (piano, tastiere e voce).
Il concerto andrà in scena al Parco delle Paulonie tra Via Sani e Via Paradisi, che dopo la recente riqualificazione, può dirsi uno dei parchi più belli della città, teatro ideale per l’ultimo progetto artistico del trio Jazz.
Sarà un evento in presenza, con 330 posti a sedere, nel pieno rispetto delle normative vigenti per il contenimento e il contrasto alla diffusione del virus Covid-19. Si pone di fatto come il primo e più importante evento musicale in presenza realizzato nel parco cittadino da una associazione operante nel quartiere. Un’occasione che vuole favorire l’incontro, pur nel rispetto delle regole, anche nell’era del distanziamento sociale, per incentivare la comunità a “occupare” gli spazi pubblici, anche quando la paura potrebbe spingere a isolarsi. Un modo per rimettere in moto energie. Il senso di questa azione vuole essere soprattutto quello della ripartenza, e della rinascita.
“Parientes” arriva in anteprima a Reggio dopo essere stato portato sui palchi di diversi teatri italiani e del mondo per parlarci di come la cultura italiana si è intrecciata a quella argentina cercando di dare voce a una sorta di Europa delle culture popolari in Sudamerica, dove si ritrovano, oltre alla tradizione culturale italiana e argentina, anche quella spagnola, francese e tedesca, e non solo nella musica, ma anche nel teatro, nella letteratura e nel cibo. “Parientes” è un viaggio tra il tempo e le storie di migrazione tra il vecchio ed sud del nuovo continente. Un tango, una cumbia, una canzone di Lucio Dalla, vicende di riscatto e passione in chiave Jazz.
L’evento, ad ingresso gratuito, è in programma lunedì 14 Settembre alle ore 21. Prenotazione obbligatoria a info@b49.it fino ad esaurimento posti. 
L’evento è stato presentato questa mattina al Binario 49

Claudio Melioli, Presidente Associazione Casa d’Altri – Binario 49 | “Riteniamo che sia un evento molto importante: organizzarlo è stato complesso, molto più di un anno fa quando programmammo questo concerto ma fu rinviato per maltempo. Nel mezzo c’è stata l’emergenza Covid che ha cambiato tutto, ma siamo sempre stati convinti che la città e il quartiere meritassero questo evento culturale di alto livello. E lo sono anche gli artisti coinvolti, che hanno conosciuto e credono nei progetti di Binario 49 e del GRADE. Vogliamo anche far vedere quanto questo quartiere sia bello e vivo. L’accesso sarà regolato secondo le normative anti Covid, con sedie distanziate e obbligo di usare la mascherina, con rilevazione della temperatura all’ingresso, ma una volta provveduto a queste fondamentali precauzioni, sarà solo grande musica”.

Francesco Merli, Presidente della Fondazione GRADE Onlus | “Per noi il sostegno a questa iniziativa ha una valenza molteplice. Innanzitutto sostenere la raccolta fondi attivata per acquisire la nuova SPECT-CT per il reparto di Medicina Nucleare. Un progetto che va nel segno di essere sempre più a servizio dell’intero ospedale e non solo del reparto di Ematologia. Inoltre abbiamo anche la possibilità, tramite la stessa raccolta fondi, di acquisire il cosiddetto “quinto anello” che migliorerà ulteriormente la PET attivata nel 2018, rendendola così la più avanzata in Italia. L’importo complessivo necessario sarà di circa 800.000 euro, una sfida importante ma sappiamo di poter contare sempre sul sostegno della comunità. Al concerto di lunedì l’ingresso sarà gratuito, ma ci sarà la possibilità di devolvere una donazione libera al GRADE. L’altro aspetto che ci preme è far conoscere una zona della città bella, e collaborare con Binario 49 che qui sta portando avanti azioni per riqualificare la socialità e il quartiere”.

Benedetta Incerti, Binario 49 | “Con un iniziativa come questo concerto alziamo l’asticella, per rilanciare la socialità dopo la fase acuta della pandemia. Vogliamo mostrare che se si osservano le regole, e ognuno fa la sua parte, insieme si possono fare cose molto belle. E noi siamo convinti che la bellezza richiama bellezza”.

Alessandro Collini, Coopservice | “Sosteniamo da tempo il Binario 49, che opera in un quartiere che offre uno spaccato importante del nostro Paese. Sostenere questi progetti significa sostenerne la riqualificazione: sono azioni che unificano le persone, stimolano l’aggregazione, superano le divisioni, fanno dialogare culture diverse, in questo caso attraverso il linguaggio universale della musica”.

– I promotori dell’evento
L’Associazione Culturale Casa d’Altri, che due anni fa ha inaugurato il Caffè Letterario Binario49 e che nel febbraio 2019 ha portato a Reggio Emilia, sempre nel quartiere della zona Stazione (il quartiere senza nome), l’anteprima nazionale della mostra fotografica di Sebastiao Salgado “AFRICA” visitata da 25 mila persone, in questa occasione vuole celebrare la recente inaugurazione del Parco delle Paulonie, oggetto di un importante riqualificazione da parte dell’Amministrazione, portando sul palco tre artisti d’eccezione organizzando il concerto “Parientes” in collaborazione con Fondazione Grade Onlus, che da oltre trent’anni sostiene l’attività ospedaliera del Reparto di Ematologia dell’AUSL – IRCCS di Reggio Emilia, finanziando progetti di ricerca e assistenza per pazienti affetti da malattie onco-ematologiche.
Tra gli obiettivi della serata c’è quello di raccogliere fondi per il progetto attivato dalla Fondazione GRADE Onlus per acquistare la nuova SPECT-CT per il reparto di Medicina Nucleare del Santa Maria Nuova, un macchinario estremamente moderno che consentirà una riduzione della lista d’attesa per la scintigrafia ossea nella stadiazione e valutazione di recidiva in pazienti neoplastici (prevalentemente carcinoma della prostata) e di mobilizzazione di artroprotesi, soprattutto d’anca, in pazienti ortopedici; esami più approfonditi e precisi nei pazienti da sottoporre a ricerca del linfonodo sentinella per carcinoma della mammella o per melanoma; la riduzione della lista d’attesa per la diagnosi del morbo di Parkinson; la riduzione della dose di radiofarmaco e quindi dell’irradiazione dei pazienti pediatrici sottoposti a scintigrafia renale e diversi altri esami specifici.
Un altro obiettivo è quello di continuare a portare una proposta culturale capace di arricchire il contesto “zona stazione”, portare persone che non frequentano il quartiere a conoscerlo direttamente e così scoprirlo molto simile ad altri nella nostra città, riportare il quartiere al centro di una nuova narrazione che ridia orgoglio alla popolazione residente. L’hashtag delle iniziative dell’Associazione Casa d’altri, e quindi anche di questo concerto, è #inviaturrisipuò, una “etichetta” che più che aggregare per contenuti d’argomento, vuole aggregare le persone e dimostrare ad altre realtà che in questa zona è bello ed è possibile organizzare iniziative o semplicemente viverne i luoghi e perché no assistere ad un concerto che promette grandi emozioni.
– Il concerto Parientes
Dopo 7 anni dall’ultima fortunata uscita discografica (“Futbol”), il trio Servillo-Girotto-Mangalvite presenta il nuovo album ed allarga la personale ricerca musicale e letteraria. PARIENTES è un viaggio nei ricordi, nelle persone, nell’immaginario di un popolo migrante che ha dato vita ad un’altra cultura e, nel contempo, ha preservato la propria portandovi nuova linfa; è un arco che si tende fra le sponde e nel tempo. Nascono, così, avventure d’amore, ricordi, intrecci sentimentali, e tra una milonga, un tango, una cumbia, emergono storie di vita vissuta, di fatiche quotidiane e voglia di riscatto, di legalità e delinquenza, e, perché no, di tradizioni culinarie da esportare e mantenere come tratto imprescindibile e distintivo di una comunità. I gruppi familiari, piccoli o grandi che siano, si rivelano custodi di un’umanità unica e universale. I “tanos” (diminutivo di “napoletanos”) son divenuti andini e viceversa,
dando vita al nuovo che sa sempre di antico. PARIENTES, con le intense musiche e le parole pregne di gesti e storie, è per chi tiene il fuoco nell’anima, per chi odia e non lo dice mai, per chi ha l’amore negli occhi e il sole nel petto, ma si limita a ballare la vita con carisma e mistero.

– Line Up
PEPPE SERVILLO – voce
JAVIER GIROTTO – Sax soprano e baritono
NATALIO MANGALAVITE – piano, tastiere, voce
Peppe Servillo:
nato a Caserta, fondatore cantante e autore dei testi del gruppo AVION TRAVEL. Con il gruppo pubblica numerosi album e oltre ad altri numerosi riconoscimenti vincono nel 2000 il Festival di Sanremo. È attore nel film “La felicità non costa niente” di M. Calopresti e nel film “Tipota” scritto e diretto da Fabrizio Bentivoglio con cui collabora anche come coautore di testi.
Javier Edgardo Girotto:
nativo di Cordoba (Argentina) comincia a studiare il sax all’età di dieci anni , percorso che lo porta a specializzarsi a presso il Conservatorio Provinciale di Cordoba diplomandosi come insegnante di musica sax e flauto traverso . all’età di 21 anni si trasferisce a Boston (USA) ove si diploma in Professional Music ìcum magna laudeî al Berklee College of Music . Fondatore e Leader degli AIRES TANGO col quale ha registrato 7 CD. La sua musica è un misto di tango, jazz, etnica, caratterizzato da molta improvvisazione, scrittura e arrangiamento. La formazione Ë composta da piano, basso, percussione e sax. Parallelamente ad Aires Tango collabora con il quintetto di Roberto Gatto (batteria) col quale suona ormai da 8 anni, ha suonato anche con Rita Marcotulli , Enrico Rava, Paolo Fresu, Gianluca Putrella, Bebo Ferra, Antonello Salis, Gianni Coscia, Peppe Servillo, Furio Di Castri, Tony Scott, Arto Tuncbovacivan, Carlo Rizzo, Aldo Romano, Luis Agudo Maurizio Gianmarco, Stefano Battaglia, Michel Godard, Anouar Brahem, Gianluigi Trovesi, e molti altri.
Natalio Luis Mangalavite:
Argentino vive da quasi ventíanni in Europa, dove ha lavorato in svariate cornici musicali nell’ambito della musica pop e jazz . Ha accompagnato per quasi 15 anni Ornella Vanoni nei suoi concerti e ha lavorato al fianco di altri musicisti jazz e world come Paolo Fresu, Horacio del negro Hernandez, Furio Di Castri, Antonello Salis, Michele Ascolese (progetto tango LUIS Y MIGUEL), il dj PIERANDREA THE PROFESSOR (progetto DNA)