fbpx
 

Blog

Un nuovo acquisto grazie alle donazioni a GRADE

L’Arcispedale Santa Maria Nuova – IRCCS di Reggio Emilia ha potuto integrare le proprie attrezzature con il dispositivo Nautilus Delta, innovativo strumento per il posizionamento degli accessi venosi centrali.

Il finanziamento di 8.540 euro per questo acquisto è arrivato dalla Fondazione GRADE Onlus, che ha utilizzato per esso tre importanti donazioni pervenute al Gruppo Amici dell’Ematologia negli ultimi mesi: una del fan club di Luciano Ligabue, in occasione del 56° compleanno del rocker reggiano il marzo scorso, una dell’azienda SINAPSI di Reggio Emilia e l’ultima della neonata Associazione “Rani Mandip”, di Guastalla.

Alla consegna del nuovo dispositivo, nel reparto di Ematologia dell’ospedale reggiano, erano presenti il dott. Francesco Merli e Cristiana Caffarri, rispettivamente direttore e coordinatrice del reparto, il dott. Roberto Caroli, responsabile rischio clinico DPS e ambulatorio accessi venosi, le dott.sse Annalisa Imovilli e Alessia Tieghi, ematologhe, la dott.ssa Silvia Filiberti, psicologa, e Marco Bigliardi, infermiere addetto all’inserimento dei cateteri venosi.

Da qualche anno, nella realtà del Santa Maria è in grande aumento l’utilizzo dei cateteri venosi PICC (cateteri venosi centrali a inserimento periferico). I pazienti che maggiormente usufruiscono di questi dispositivi sono quelli affetti da patologie onco-ematologiche.
In futuro, grazie al nuovo strumento tecnologico acquistato per l’ospedale reggiano, verrà eliminata la necessità di un successivo controllo radiologico che, nell’ultimo anno, ha riguardato circa 550 persone: l’esposizione ai raggi x potrà quindi essere evitata a un elevato numero di pazienti.
Il Nautilus Delta renderà la procedura d’impianto dei cateteri venosi PICC più sicura, rapida ed economica, con grandi benefici per i pazienti.